L’omaggio di Vivere agli architetti del Cdn

12

Corrado Beguinot

L’ingegnere Corrado Beguinot al Cdn si è occupato in collaborazione con altri noti architetti della progettazione del Nuovo Palazzo di Giustizia, mentre la Cittadella Postale è un progetto interamente suo così come la torre E6 che ospita l’albergo Holiday Inn.

La Cittadella Postale fu progettata nel 1986 e realizzata tra il 1987 e il1993. Il complesso è costituito da quattro corpi di fabbrica di cui due torri di oltre cento metri d’altezza e due edifici a piastra rispettivamente di cinque e sei livelli collegati da un percorso pedonale in quota.  Si tratta degli edifici F5,F6,F7, F8. Il nome di Cittadella postale deriva dall’originaria destinazione dei fabbricati, che dovevano diventare sede di diverse strutture facenti capo al Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni. Nel tempo, però, anche in relazione alle privatizzazioni intervenute, la proprietà dei fabbricati è mutata e di conseguenza anche i loro modi d’uso. Attualmente l’F5, l’F6 e l’F7 sono passate alla Telecom, mentre l’F8 rimane di proprietà dell’Ente poste. Le torri e le piastre presentano facciate continue e riflettenti prevalentemente in curtain walls. La torre progettata da Beguinot  per un albergo, l’Holiday Inn, è la E6. La sua progettazione è stata terminata nel ’90 mentre la costruzione è stata completata nel ’93. La torre fa parte di un complesso costituito da due torri gemelle, disposte a schiera e sormontate da una caratteristica struttura di coronamento a timpano che contiene le centrali tecnologiche. Le torri si elevano per circa 80 metri dalla quota di percorrenza pedonale e sono caratterizzate alla base, dall’apertura di due corti, limitate per tre lati da edifici a piastra, coperte da strutture a volta, in modo da realizzare a livello pedonale due gallerie e spazi di relazione e di fruizione del complesso. Come spiegava l’ingegnere sono state fatte scelte strutturali, distributive e di finitura di assoluta qualità, in modo da offrire un qualificato polo di riferimento per il Cdn  e per tutta la città.  La facciata della torre E6, si presenta allo sguardo, rivestita di granito rosa, mentre il finimento di facciata dei piani basamentali che si affacciano all’interno delle gallerie pubbliche è stato realizzato in marmi policromi. Beguinot diede a suo tempo un giudizio molto positivo sul Cdn, definendolo per Napoli un sensibile salto di qualità nel grado di  attrezzatura e di infrastrutturazione della città, unica in Italia ad avere un moderno quartiere d’affari, organizzato in modo razionale, secondo un disegno unitario e apprezzato in ambito internazionale .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.